martedì 3 novembre 2015

Exit Intent Popup, perché non provarli?

Meno fastidiosi degli altri popup, possono fornire risultati positivi in termini di permanenza sul sito e ottenimento di informazioni

Sarà capitato a tutti, prima o poi, di incontarrne uno: quando si sta per abbandonare un sito, ecco che compare una finestrella (popup) che ci invita a fare qualcosa sul sito stesso. Quella finestrella si chiama Exit Intent Popup e si apre quando “capisce” che il navigatore sta per lasciare il sito. Come fa a capirlo? Semplice: in base ai movimenti del cursose. Quando con il mouse ci avviciniamo ad una zona “pericolosa” (la freccetta per tornare indietro, il tasto per aprire una nuova finestra o quello per chiudere quella corrente”), ecco che spunta l’Exit Intent Popup.
E’ una strategia che presenta innegabili vantaggi: innanzitutto, questo tipo di popup è meno “fastidioso” degli altri, quelli che si parano davanti agli occhi dell’utente appena è atterrato sul nostro sito o nel bel mezzo della sua consultazione. In secondo luogo, possono sfuggire ai Popup Blocker, programmi sempre più diffusi che bloccano i popup sul nascere.
Con un Exit Intent Popup ben fatto, si possono innanzitutto raccogliere dati (esempio email). Molto utile è poi il suo utilizzo se il sito è provvisto di e-commerce: in questo caso aiutano infatti nel recupero dei “carrelli abbandonati”, ovvero di quegli ordini non perfezionati dall’utente, che secondo diverse statistiche sono in media il 7% del totale. Mostrare all’utente che ha abbandonato il proprio carrello virtuale e sta abbandonando il sito uno sconto, o magari la spedizione gratuita, è un modo per incentivarlo a completare l’ordine.
Il popup può anche semplicemente invitare il lettore a scoprire altro: questa strategia può essere utile per esempio nel caso di landing page che non ha portato a nessuna conversione, con il link che invita ad esplorare l’home page del nostro sito.

L’importante è specificare al webmaster che la leggerezza è tutto: una finestra che appesantisce la navigazione o rallenta il pc dell’utente viene immediatamente percepita come irritante, ed ha quindi un effetto deleterio: il popup deve aprirsi in fretta al momento giusto, ed essere altrettanto facile e veloce da chiudere.